Cerca

Stella Acerno

Condividi

Stella Acerno è Cultore di Materia in Diritto dell’Unione europea presso il Dipartimento di Lingue e
Culture Moderne della Scuola di Scienze Umanistiche dell’Università di Genova, dove insegna al seminario
“Diritti umani, origini sviluppi e tendenze contemporanee”. Laureata in Lettere, ha insegnato materie
letterarie nella scuola secondaria superiore. È presidente del Centro per l’Educazione ai Diritti Umani, OdV, iscritta nel Registro Regionale del Terzo Settore della Liguria; www.ceduitalia.altervista.org. Ha coordinato e svolto nelle scuole genovesi e liguri progetti educativi sui diritti umani con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale della Liguria. È autrice dei volumi L’inganno quotidiano. I media, l’informazione e i diritti umani, Fratelli Frilli editori. Comunicare i diritti umani: lettura critica dell’informazione, Es@Edizioni Studio@lfa. Verso una nuova coscienza? Sri Aurobindo e l’evoluzione della specie umana, De Ferrari Editore. Ma che diritti? Cosa sappiamo e cosa non vogliamo sapere sui diritti umani; Fratelli Frilli Editore; L’in-sicurezza della società sostenibile, Genova University Press. Ha realizzato i documentari in DVD: “Verso una nuova coscienza? Sri Aurobindo e l’evoluzione della specie umana” e “Nel cuore degli uomini. Ripensare l’educazione tra consapevolezza ed empatia”. È Referente stampa e comunicazione della Circocscrizione Liguria di Amnesty International Italia.

Altri autori

Chiara Pracchi

Giornalista Dopo aver mosso i primi passi fra Radiopopolare e Peacereporter, ho scelto di concentrarmi sul tema della criminalità organizzata. Di questo ho scritto, fra gli altri, su Narcomafie e  ilfattoquotidiano.it.

Antonio Mazzeo

Peace-researcher e giornalista impegnato nei temi della pace, della militarizzazione, dell’ambiente, dei diritti umani, della lotta alle criminalità mafiose. Ha ricevuto il “Premio G. Bassani – Italia Nostra 2010″ per

Alessia Belli

Alessia Belli è nata nel 1979 ad Arezzo. Filosofa pratica con formazione interdisciplinare, appassionata ricercatrice di traduzioni reali al tema del riconoscimento dell’identità, si occupa da anni di migrazioni, ricoprendo