OGzero – Adriano Boano (e Chiara Biano)

Condividi

La storia di Adriano e Chiara, due animali che si nutrono di carta e inchiostro, si dipana tra esperienze lavorative individuali nel settore editoriale nelle stanze di Einaudi, Bollati e Boringhieri, Allemandi, Utet, Mursia, Rosenberg & Sellier… editori tra quelli che han fatto la Storia italiana del libro.

Di estrazione proletaria Adriano, impegnato nella perenne lotta contro qualsiasi autorità e repressione; di famiglia ultra-borghese Chiara, intenta a scaravoltare con una certa ostinazione tutto ciò che di “standard” incontrava sulla sua strada, insieme trovano il modo di convogliare esperienze e competenze e di costruire un percorso insieme.

Negli anni si sono accompagnati a colleghi e collaboratori e, quando trovano un appiglio capace di smuovere neuroni, sanno lavorare in squadra con entusiasmo; editori essi stessi a più riprese, scontrandosi con una realtà poco confortante perché vittima di meccanismi lontani dal loro approccio al lavoro e a quel mondo, che ben conoscono.

Dal 2016 sono i curatori di una collana nata dal forte desiderio di raccontare il mondo senza modelli e senza pregiudizi, paraocchi ideologici e con uno sguardo antiautoritario. Orizzonti geopolitici (Rosenberg & Sellier), la serie di volumi che analizzano manovre di potere, interessi, criminalità, conflitti e migrazioni, terrorismo e mafie, rivolte e cataclismi ambientali, commercio di idee, di merci e di persone.

E poi questo: a un certo punto, la carta non bastava più, la pagina stampata stava stretta a tutti gli autori che erano saliti a bordo dell’impresa e pensano di portare i contenuti nella rete in OGzero, farli dialogare per rendere trasparente e visibile il processo di formazione di un progetto editoriale; con OGzero lanciano spunti di riflessione per creare dibattito e proporre nuove rotte da seguire. Senza pretese intellettuali ma con grande urgenza di conoscere, raccontano ai lettori un modo alternativo di interpretare la realtà geopolitica globale.

Altri autori

Tiziana Volta

Membro del Coordinamento Mondiale di Mondo senza Guerre e senza Violenza, già coordinatrice della seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza in Italia, da sempre cerca di unire

Ogarit Younan

 Sociologa,  figura riconosciuta come donna araba nonviolenta che ha influenzato generazioni di giovani, attivisti, educatori e intellettuali, in Libano e nei paesi della regione mediorientale dal 1983, è cofondatrice, a

Rosa Siciliano

Rosa Siciliano, direttore editoriale di Mosaico di pace, rivista promossa dal movimento cattolico internazionale per la pace Pax Christi.