Cerca

Roberto Carlotto

Condividi

Il tastierista varesino Roberto Carlotto, conosciuto con il nome di battaglia di Hunka Munka, cominciò a suonare le tastiere fin da piccolo, anche se un incidente aereo in gioventù rischiò di mettere fine alla sua carriera. I suoi inizi come musicista professionista lo portarono a suonare in Inghilterra, Germania e Svizzera, aprendo anche i concerti di artisti del calibro di Rod Stewart e Colosseum, mentre in Italia aveva suonato in precedenza con i Big 66, I Cuccioli e poi con Ivan Graziani nell’Anonima Sound, nel 1970, prima di dare vita ad una carriera solistica a partire dal 1971 con un 45 giri. Diventato solista, Carlotto si distinse per la sua tecnica notevole e l’alta qualità delle sue attrezzature, un numero incredibile di tastiere e perfino i primi esempi di batterie elettroniche a nastro. Il suo unico album, Dedicato a Giovanna G., ricordato per la sua provocatoria copertina, è un disco di prog melodico, dominato dalle tastiere (in particolare l’organo Hammond modificato dallo stesso musicista) e dalla voce di Carlotto che ricorda lo stile di Demis Roussos o le voci dei Bee Gees. Sono presenti sul disco il batterista Nunzio “Cucciolo” Favia degli Osage Tribe ed il chitarrista Ivan Graziani, anche lui precedentemente nell’Anonima Sound prima di una carriera solistica di successo. L’album contiene 11 brani non troppo lunghi, due dei quali già usciti su 45 giri, per lo più in uno stile leggero e con alcuni arrangiamenti orchestrali e coristici talvolta invadenti, come in Io canterò per te. In ogni caso l’album contiene alcuni brani di ispirazione progressiva molto buoni, come Ruote e sogni, il più lungo dell’album con un’ottima parte d’organo. Successivamente Carlotto si è unito ai Dik Dik dal 1973, sempre insieme al batterista Cucciolo e i due hanno suonato insieme per anni come “Carlotto & Cucciolo”. Inoltre realizzò un album elettronico nel 1984, Promise of love (Atlantide AMX 12003), con lo pseudonimo Karl Otto. Nei primi anni 2000 la collaborazione con il tastierista calabrese Joey Mauro, esperto di strumenti “vintage”, per un ipotetico ritorno del glorioso nome Hunka Munka, non portò alcun risultato discografico. Carlotto suonò poi con i riformati Analogy dal 2011 alla fine della loro attività concertistica nel 2016. Successivamente si è riunito con Joey Mauro e altri musicisti per la nuova versione degli Hunka Munka che ha realizzato nel 2021 l’album Foreste interstellari. La sua ultima produzione musicale, “Semplicemente – R. Carlotto”, è stata pubblicata dall’etichetta Officine Culturali Romane.

Altri autori

Stella Acerno

Stella Acerno è Cultore di Materia in Diritto dell’Unione europea presso il Dipartimento di Lingue eCulture Moderne della Scuola di Scienze Umanistiche dell’Università di Genova, dove insegna al seminario“Diritti umani,

Giorgio Schultze

Giorgio Carlo Schultze (Architetto, 68 anni) Fin dalla giovane età ha partecipato a gruppi ambientalisti di base e ad organizzazioni sociali, internazionali e di volontariato.Nel 1972 (all’età di 16 anni)

Angelo Maddalena

È narratore tra memoria e presente, con monologhi teatrali, canzoni, libri di inchiesta, poesia e narrativa. Collabora con Mosaico di pace e con il quindicinale Rocca.  Con “Tonino Miccichè sarai