Cerca

Adel Jabbar

Condividi

Sociologo dei processi migratori. Ha insegnato sociologia delle culture e delle migrazioni all’università Ca’ Foscari di Venezia. Libero docente e collaboratore di istituzioni accademiche nell’ambito della comunicazione interculturale e del pluralismo culturale e religioso. Ha insegnato islamistica agli Istituti superiori di scienze religiose di Modena e di Bolzano oltre che al centro teologico di Torino. Redattore della rivista “Il Cristallo” (BZ). Collaboratore del centro per la pace di Bolzano. Membro dell’Osservatorio interreligioso contro le violenze sulle donne (O.I.V.D) e promotore della giornata del dialogo Islamo-Cristiano.

Alcune pubblicazioni

“L’Islam oggi. Jihad, nonviolenza e modernità”, in Claudio Tugnoli (a cura di), Maestri e scolari di non violenza. Riflessioni, testimonianze e proposte interattive, Iprase Trentino, Annali 2000, Franco Angeli, Milano, 2000.

“I musulmani di oggi e le sfide globali”, in P. Naso, B. Salvarani (a cura di), La rivincita del dialogo. Cristiani e musulmani in Italia dopo l’11 settembre, EMI, Bologna, 2002.

“La complessità negata” in A. Rivera (a cura di), L’inquietudine dell’Islam, Dedalo, 2002.

“Appartenenza e Alterità nell’Islam”, in Antonio Genovese (a cura di), Intercultura e Nonviolenza, Clueb, Bologna,2008.

“Che effetto fa la tolleranza? L’Islam e il pluralismo religioso”, in Paolo Costa (a cura), “Tolleranza e Riconoscimento”, EDB, Bologna, 2014.

“Guerra e le sue implicazioni etiche”, in AA.VV. (a cura di), Leggere La Grande Guerra, Biblioteche Val Di Sole- Centro Studi per La Val di Sole, 2015.

“Riferimenti coranici per la tutela ambientale”, in Quaderni di Studi Ecumenici, ISE San Bernardino, Venezia, n. 33/ 2016.

Altri autori

Alessia Belli

Alessia Belli è nata nel 1979 ad Arezzo. Filosofa pratica con formazione interdisciplinare, appassionata ricercatrice di traduzioni reali al tema del riconoscimento dell’identità, si occupa da anni di migrazioni, ricoprendo

Marina Rivera

Artista italo-argentina. Designer, illustratrice e docente. Ideatrice del personaggio di “Alina” e autrice delle “Le avventure di Alina” (Cni).Lavora in Italia, Spagna e Argentina collaborando con diverse istituzioni pubbliche e

Martí Olivella i Solè

Martí appartiene al primo gruppo di obiettori di coscienza al servizio militare (1975-1977). Da allora, ha dedicato la sua vita alla promozione della nonviolenza e dell’innovazione sociale in varie associazioni